Se accendo un fondo pensione cosa devo fare col tfr?

Il tfr come possiamo utilizzarlo e come è meglio fare.

Con il tfr abbiamo visto nonni comprare case, o genitori viaggiare, fare quella crociera che era una vita che sognavano. E noi? Che ne facciamo? Se lavorate e siete stati assunti regolarmente vi viene sicuramente chiesto entro sei mesi dove volete destinare il vostro trattamento di fine rapporto. Cos’è il tfr? In riassunto è un accantonamento di denaro calcolato in base ai dati Istat annuali e una quota fissa del 6,23 % che deve versare il vostro datore di lavoro e poi darvi in fase di licenziamento o di pensionamento.

tfr

Le scelte sul tfr ora sono molteplici, infatti oltre al vecchio lasciarlo in azienda, ora c’è la possibilità di destinare questo accantonamento al fondo pensione. Attenzione però perché se non dai nessuna scelta, il tfr in automatico viene dato al fondo pensione, ma non a quello che scegli tu ma a quello che è stato scelto dalla tua azienda, e se lavori in una ditta dove ci sono molte persone e molti fondi attivi viene scelto il fondo dove hanno aderito più persone, quindi ti ritrovi senza aver valutato i pro e i contro, senza aver scelto la cifra e niente di niente il fondo pensione.

Se nella tua azienda non esiste alcun fondo esiste il fondo dell’Inps, quindi in assenza della tua decisione ti potrai ritrovare così, però puoi sempre correre ai ripari perché si può sempre cambiare destinazione. Dal 2015 c’è anche una nuova possibilità che sconsiglio caldamente, ed è quella di poter avere in busta paga il tfr. Quindi si vero ogni mese potete trovarvi quei 100 euro in più, ma il futuro? Io ve la dico la possibilità ma non posso non sconsigliare, perchè si vive il presente senza quella piccola cifra, ma il futuro è già incerto, almeno avere un piccolo porto sicuro, comunque per ora sino al 2018 quest’opzione è possibile.

Autore dell'articolo: Debora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *