Primi passi per scegliere il fondo pensione

Ecco i primi passi step by step per buttarsi nel mondo delle pensioni integrative

Si si sono giovane ci penserò… no non funziona proprio così, chi prima comincia meglio sarà coperto in un futuro. È vero che la vita è frenetica e spesso per mancanza di tempo o di informazioni non procediamo a definire questo prodotto, vi voglio qui dire le piccole cose da fare per i giusti calcoli di valutazione e poi manca solo la ricerca del prodotto giusto.

vecc4

Per prima cosa dobbiamo capire di che cifra più o meno avremo a disposizione dalla normale pensione previdenziale, così da valutare il resto. Ci possiamo presentare direttamente all’Inps per chiedere un estratto conto integrato con la simulazione di pensione, ecco già vi faccio uscir di casa e affrontare la fila. Aspettate per una semplice simulazione c’è il pensionometro del sole 24 ore che vi consente di calcolare sia la pensione previdenziale che quella integrativa sempre in relazione al momento e al guadagno attuale.

Ora che abbiamo una cifra di partenza possiamo calcolare che cifra destinare al fondo pensione e dobbiamo a questo punto prendere in considerazione anche il tfr, se lo vogliamo destinare in parte o completamente a questo fondo.

Terzo passo è decidere che tipologia di fondo pensione, se a quota fissa, se preferiamo avere la cifra intera raggiunta la pensione oppure averla come rata mensile ad integrazione della normale pensione.

Non dimenticate di dare un occhio alla detraibilità fiscale che si aggira sui 5164,17 euro annui, ma comunque è già un vantaggio avere almeno un ritorno nella tassazione della cifra che abbiamo deciso di dedicare alla pensione, su su formichine partiamo con il nostro futuro.

Autore dell'articolo: Debora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *