Fare attività fisica per pagare meno sull’assicurazione sulla vita

Assicurazione sulla vita che premia chi fa attività fisica.

Per ora è solo in via sperimentale ma pare prendere velocemente piede l’idea di un bonus malus anche sull’assicurazione sulla vita, ora fare attività fisica farà bene anche al portafoglio.

lifestyle

Questo bonus malus però dovrebbe essere in qualche modo monitorato o tutti potremmo dichiarare di fare km e essere dediti all’attività fisica anche se la nostra attività principale è lo zapping da divano.

Ed è per questo che la compagnia svizzera Ccs Insurance che ha sedi anche in Italia, in collaborazione con le università di Zurigo hanno deciso di far partire un progetto pilota, dove danno in dotazione un braccialetto contapassi per poter monitorare l’attività fisica del cliente.

Quindi verrebbe, sempre se questo prototipo di idea prendere piede, istituito una sorta di bonus malus dell’assicurazione sulla vita messa in questo senso: fai attività fisica e ti mantieni in forma, bene vieni premiato e fai parte del bonus, al contrario se non fai attività fisica e non ti mantieni in forma vieni messo nel malus, quindi pagherai anche di più di assicurazione.

Nel campione di persone che fanno parte di questo progetto pilota viene considerato una persona degna di bonus chi dal conta passi farà risultare di aver fatto giornalmente almeno 10 mila passi.

Quindi nel frattempo, proprio mentre si sta provando a capire se può essere un ottimo metro di misura, sarà meglio allenarsi a camminare, fa molto bene alla salute, e la cosa divertente è che già qualcuno sta facendo polemiche perchè dato che il conta passi misura le oscillazioni ci sarebbero i furbetti che invece di fare realmente i passi saprebbero aggirare anche questo tipo di controllo.

Autore dell'articolo: Debora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *