Come funzionano le polizze per i droni.

Tra le varie polizze assicurative si evolvono anche le nuove tecnologie, nate da pochi anni le polizze per i cellulari, ora nascono le polizze per i droni, anche quelli a livello amatoriale, ma vediamo insieme come vanno assicurati e quali sono gli obblighi di legge.

Droni e assicurazione

Non ci sono obblighi di legge per la polizza drone, c’è il libero utilizzo per il tempo libero, anche fino ad ora per chi lo usa per lavoro, ma sembra all’orizzonte arrivi poi per l’utilizzo non hobbistico qualche copertura obbligatoria.

Il consiglio però che mi sento di darti è comunque quello di prevedere una copertura minima di assicurazione almeno con copertura danni a terzi, calcola che nonostante sia senza pilota è comunque un mezzo in movimento che può creare danni.

Esistono coperture per danni a terzi con massimale di 5.000.000 di euro e senza franchigia, possono avere la stessa copertura anche i modellini di aeromobili, unico requisito per avere poi confermata la copertura è che i telecomandi devono essere regolari, e non c’è esclusione di frequenza per determinare la copertura.

Naturalmente è bene ricordare che la copertura esclude tutti gli usi non amatoriali del modellino.

Vengono coperti fino ad un massimo di 80.000 euro anche li infortuni che possono capitare durante l’uso del drone.

Anche la tutela legale è compresa nella polizza e con la libertà del contraente di scegliere un legale a difesa.

Per informazioni e sottoscrizione della polizza vi indirizzo alla FIAM Federazione Italiana Aero Modellismo per ottenere tutte le informazioni utili e per trovare i moduli di iscrizione.

Autore dell'articolo: Debora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *